Pubblicazioni

Relazione come aiuto

Dal concetto tradizionale di “verità”, la cui ricerca ha impegnato intere generazioni di filosofi e psicologi, alle odierne pratiche conoscitive, in cui qualsiasi alterità viene esclusa per conferirci certezze di cui abbisogniamo, fino alla conclusiva costruzione di una “grammatica della relazione” – ove quest’ultima diviene una pratica sociale atta a costruire una cultura della differenza, laddove questa diventa non qualcosa da eliminare, ma il punto di riferimento centrale nella costruzione dei rapporti che regolano la convivenza- questo saggio propone la “relazione come aiuto” come un vero e proprio invito ad accettare la diversità naturalmente insista in una cornice multietnica. In questa cornice, la “relazione come aiuto” non ha come obiettivo il curare un disagio, bensì il sostenere, il prendersi cura di sé in quanto progetto del mondo. Giacché, come diceva Sartre, un essere umano non può dirsi tale perché è nato, ma perché assume se stesso come progetto da realizzare nel mondo. Una riflessione sul valore della relazione in quanto dimensione in grado di dialettizzare le contraddizioni che la vita pone costantemente di fronte ad ognuno di noi.

 

 

IN-Relazione

Questo libro propone un approccio specifico nell’ambito della Relazione d’aiuto. La tesi centrale è costituita dal termine ‘relazione’, qui intesa come modo stesso dell’intuizione, ovvero come pratica della differenza, l’atto attraverso cui non ci limitiamo a osservare, ma cogliamo un qualcosa di differente da noi stessi.
Ed è proprio nell’intuizione che ci ritroviamo coinvolti direttamente, ovvero siamo IN-relazione.
Le cose devono essere considerate come agenti vivi, dotati di un potere auto-generativo e in grado di imprimersi nell’incarnato nervoso del soggetto. E, se le cose sono vive, anche il mondo va trattato come tale e cessa di essere a disposizione del libero arbitrio del soggetto umano.
Come si lega questo con un approccio di aiuto alla persona?
I processi di miglioramento del benessere di un individuo costituiscono eventi che si situano tra l’individuo e il mondo in cui vive e dunque il benessere è legato a un’idea di mondo insita in ogni approccio di aiuto alla persona: agire per migliorare il proprio stato significa agire nella costruzione di un mondo possibile.